Logo ARPA Lombardia

...torna alla pagina precedente

Legna da ardere? istruzioni per il corretto uso di una risorsa importante  
La legna come combustibile - Legna e qualità dell'aria

Nonostante la qualità dell’aria – nel bacino padano e in Lombardia - abbia registrato negli ultimi vent’anni chiari miglioramenti dovuti all’adozione su grande scala di soluzioni tecnologiche nonché alla migliore qualità dei carburanti e dei combustibili, l’inquinamento atmosferico è ancora un’importante criticità ambientale.

Nel contempo è progressivamente aumentata la preoccupazione per i cambiamenti climatici, in conseguenza della quale sono stati definiti – a livello internazionale, europeo e nazionale – obiettivi di riduzione delle emissioni di gas cliamalteranti e azioni normative che prevedono la promozione della combustione a fini energetici delle biomasse legnose.

Da alcuni anni è quindi cresciuto anche l’interesse per la quantificazione dell’entità dei prodotti legnosi utilizzati nelle combustioni domestiche, anche al fine di meglio valutare il loro ruolo come sorgenti di emissioni inquinanti in atmosfera.

Numerosi studi dimostrano che il rapporto fra la combustione domestica della legna e la qualità dell’aria ha due facce: una faccia positiva, grazie alla quale si riducono le emissioni di CO2 in atmosfera e si contrastano i cambiamenti climatici, e una faccia negativa dovuta al fatto che le combustioni domestiche – soprattutto se mal condotte nei piccoli impianti domestici - emettono in atmosfera particolato e composti tossici.
Gli indubbi benefici in termini di riduzione di emissione di CO2 derivati dall’uso della legna devono quindi essere considerati nell’ambito di una più generale strategia di riduzione delle emissioni di polveri fini e di composti tossici: ciò può essere realizzato, ad esempio, con l’applicazione di tecnologie di depurazione dei fumi sulle caldaie a biomasse di potenza medio-alta utilizzate in condomini e reti di teleriscaldamento. Per gli impianti a legna di medie e grandi dimensioni è quindi già stato raggiunto l’obiettivo di conciliare la riduzione dei gas serra con il risanamento della qualità dell’aria.

Legna e cambiamenti climatici

Nonostante il clima abbia sempre subito cambiamenti dovuti a cause naturali, le variazioni climatiche avvenute nel XX secolo – e in particolare negli ultimi 40 anni – sono considerate anomale dalla comunità scientifica se confrontate con le variazioni degli ultimi 1000 anni.

Leggi tutto »

 

Legna e PM10

L’espressione generale “PM” (Particulate Matter) definisce un “insieme di particelle solide e liquide” che si trova in sospensione nell’aria; in italiano esso viene indicato con il termine “particolato”.

Leggi tutto »

 

Legna e tossicità

Gli studi riguardanti le ricadute sulla salute umana dell’uso della legna quale fonte energetica distinguono le problematiche che si manifestano all’interno delle abitazioni (indoor) da quelle che si manifestano all’esterno (outdoor).

Leggi tutto »

     
Copyright 2010 - ARPA Lombardia | Crediti | Bibliografia